Sorgenti del Natisone

Giro per MTBImpegnativo e bel giro alla scoperta dell’origine del Natisone, in comune di Taipana, alla confluenza del Rio Bianco e del Rio Nero.

Ponte di Napoleone

Ponte di Napoleone

Pochi sanno che il Natisone non ha una vera e propria sorgente ma nasce dalla confluenza del Rio Bianco e del Rio Nero a 415 metri di quota, proprio sulla linea di confine tra Italia e Slovenia. I due affluenti scendono a loro volta dal versante meridionale del Monte Maggiore e dal Gabrovig. Siccome il primo tratto del corso del fiume è in una forra, non ci sono strade che lo costeggiano, e quindi questo giro sale prima fino a Bregjni/Bergogna e poi a Prossenicco per aggirare gli impervi versanti del Brdo e dell’Ostra Kras.
Bellissime, e balneabili, le “spiagge” in prossimità dei ponti di Logje, del ponte di Napoleone e di Robič, ma possibilità di fare un bagno si trovano un po’ ovunque lungo gli sterrati che costeggiano il fiume.

Descrizione del giro:

  • km 0,0 Partenza (q. 251 m) Si parte dal confine tra Italia e Slovenia del valico di Stupizza in direzione di Kobarid/Caporetto e si prosegue sulla strada nazionale per 3,8 km.
  • km 3,8 Svolta a sinistra (q. 251 m) Robič/Robis: svoltare a sinistra per Kred/Creda.
  • km 4,5 Dritti (q. 260 m) Kred. Attraversare il paesino e iniziare a salire, sempre su strada asfaltata.
  • km 5,0 Svolta a sinistra (q. 303 m) Allo Stop svoltare a sinistra in direzione Borjana.
  • km 6,1 Dritti (q. 349 m) Potoki. Proseguire sulla strada asfaltata.
  • km 8,2 Svolta a sinistra (q. 434 m) Borjana. In prossimità della chiesa prendere la strada a sinistra che scende a Podbela.
  • km 10,8 Dritti (q. 307 m) Podbela. Proseguire dritti, e, dopo il paese, attraversare il Natisone. Dopo il ponte la strada comincia a salire.
  • km 13,3 Dritti (q. 341 m) Sulla destra c’è il ponte di Napoleone, ben indicato. Continuare a salire dritti.
  • km 14,5 Dritti (q. 454 m) Sulla curva proseguire diritti verso Logje.
  • km 15,6 Dritti (q. 337 m) Ponte di Logje. Dopo un tratto di discesa la strada ricomincia a salire verso il paesino.
  • km 17,4 Dritti (q. 519 m) Logje. Attraversare il paese e proseguire verso Bregjni/Bergogna. La pendenza è più dolce. .
  • km 21,3 Inversione a sinistra (q. 555 m) Allo Stop in prossimità di Bregjni/Bergogna svoltare a sinistra e continuare a salire sulla strada asfaltata.
  • km 23,3 Dritti (q. 629 m) La strada comincia a scendere verso ponte Vittorio.
  • km 27,0 Svolta a destra (q. 406 m) Ponte Vittorio Emanuele e confine con l’Italia. Passare il ponte e svoltare a destra.
  • km 27,04 A destra (q. 409 m) Dopo 40 metri prendere lo sterrato a destra che costeggia il fiume.
  • km 28,3 Inversione a sinistra (q. 418 m) Un palo rosso sulla destra indica la confluenza del Rio Bianco e del Rio Nero e quindi l’origine del Natisone. Si può scendere all’acqua portando la bici a mano per qualche metro. Poi si ritorna indietro per la strada fatta all’andata.
  • km 29,7 Dritti (q. 409 m) Fine dello sterrato e poi ponte Vittorio. Proseguire dritti, senza passare il ponte, salendo verso Prossenicco.
  • km 32,3 Svolta a sinistra (q. 555 m) Prossenicco. Subito dopo l’agriturismo Brez Mej prendere lo sterrato che scende a sinistra. Il fondo è piuttosto dissestato e irregolare.
  • km 33,9 Dritti (q. 434 m) Ponte (guado) della Capra. Si attraversa il Lerada e si comincia a salire verso Robedišče. Anche questo tratto ha il fondo dissestato.
  • km 36,7 Svolta a sinistra (q. 643 m) Lo sterrato finisce in prossimità della casermetta di confine. Svoltare a sinistra verso la Slovenia.
  • km 37,4 Dritti (q. 670 m) Robedišče. Dopo il paese la strada comincia a scendere veloce verso il Natisone.
  • km 40,3 Inversione a destra (q. 457 m) Tornante con il bivio per Logje fatto all’andata. Continuare la discesa a destra verso il ponte di Napoleone e Podbela.
  • km 43,6 Svolta a destra (q. 296 m) Prima di Podbela, appena passato il ponticello sul Bela, svoltare a destra sullo sterrato di che porta a Kamp Nediza.
  • km 43,9 A sinistra (q. 289 m) Kamp Nediza: mantenersi a sinistra e proseguire sullo sterrato che costeggia il campeggio.
  • km 44,3 A destra (q. 280 m) Mantenersi a destra sul veloce sterrato che costeggia il Natisone.
  • km 44,5 A destra (q. 278 m) Mantenersi ancora sulla destra e proseguire sempre sul percorso principale. In alcuni punti di sono i cartelli dell’itinerario ciclabile che indicano il percorso da seguire.
  • km 47,7 Dritti (q. 283 m) Dopo una casa e una breve salita con il fondo in cemento abbandonare la strada principale e proseguire dritti nel bosco. Inizia un breve tratto di sentiero nel bosco.
  • km 47,9 Dritti (q. 286 m) Scendere sulla ripida rampa in cemento e in fondo, nel rpessi della passerella per SV. Volar, imboccare la strada bianca che continua a seguire il fiume.
  • km 48,2 Svolta a destra (q. 249 m) Mantenersi a destra.
  • km 48,3 A sinistra (q. 248 m) Stare a sinistra perché la rampa a destra scende sul greto del fiume.
  • km 48,6 A destra (q. 244 m) Bivio. Stare a destra. La strada bianca continua a seguire il corso del Natisone.
  • km 49,7 Svolta a destra (q. 239 m) Dopo una breve salita si arriva alla zona attrezzata sul Natisone e alla gostilna Z’Der. Allo stop svoltare a destra verso l’Italia e fare in senso inverso la strada fatta all’andata.
  • km 52,9 Arrivo (q. 2,51 m) Arrivo al valico di Stupizza.

Tracce per GPS:

Aggiornamento dati: giugno 2017

Condividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>